Utilizzare la sovrastampa per essere creativi

Diciamo la verità: qualche volta sarà capitato anche a voi di andare a controllare le cianografiche di un lavoro e scoprire del testo scritto in bianco mancante o dei loghi, sempre bianchi, spariti? Sono cose che possono succedere, soprattutto quando si riaprono vecchi lavori prodotti con programmi ormai desueti (freehand ti amerò per sempre) e non si utilizza la visualizzazione “sovrastampa” perché convinti che vada tutto bene. Ed è proprio la sovrastampa che voglio approfondire in questo post.

A cosa serve la sovrastampa? Solitamente si utilizza, ad esempio in tipografia o litografia, per scrivere il testo in nero sopra fondi colorati o immagini: queste non verranno “forate”, cioè non saranno bianche nella parte che conterrà il testo così potremo stampare precisi anche se la macchina fa un piccolo fuori registro. Ma è utile anche quando, ad esempio, dobbiamo stampare la stessa cosa ma in più lingue o cambiando solo il testo: mettendolo in sovrastampa alla fine rifaremo solo una pellicola invece che farne quattro con un grosso risparmio di tempo e soldi. Per ultimo, il nero risulterà migliore visivamente perché composto da un solo colore e non da quattro e si eviterà la problematica del fuori registro.

Ma la sovrastampa può essere utilizzata anche in maniera più creativa! Sapendo che un colore si sovrappone all’altro si possono creare effetti interessanti e riproducibili con buona parte delle tecniche di stampa: dalla tipografia e litografia fino ad arrivare alla serigrafia con le aniline che sono trasparenti e danno un effetto tipo “acquarello”.

Le uniche due cose da tenere presente sono i colori da utilizzare e il materiale su cui andranno stampati.

La scelta del colore è sicuramente soggettiva, ma è bene pensare a qualcosa che sovrapposto ad un altro dia un risultato decente: penso che lavorare con i colori primari sia già un’ottima partenza (bellissima secondo me l’unione fra cyan e magenta), in più tenete presente che i colori troppo scuri non danno un terzo colore particolarmente differente e quelli troppo chiari, come il giallo, non sono sempre leggibili.

Per quanto riguarda i materiali da stampare, per esperienza personale,posso dire che utilizzando ad esempio delle carte usomano molto leggere c’è il pericolo che la stampa non asciughi e che il risultato finale sia opaco e un po’ “sporco”; stessa cosa se si stampa su dei PVC in serigrafia: bisogna tenere conto che il colore prima del secondo passaggio deve essere asciutto, altrimenti l’effetto “impastato” sarà l’unica cosa che otteremo.

[blockquote indent=”yes” ]L’ultima cosa da dire è semplicemente un consiglio: provate, provate e riprovate, cercate di essere curiosi perché più si conoscono le tecniche di stampa più facile sarà progettare cose interessanti.[/blockquote]

Saluti

Roberta Dalla Valle

www.thevalentino.it